About Me

A volte mi sento uno scrittore.

MoleskineE’ buffo avere questi pensieri, dato che in realtà oso comportarmi come tale e quindi non dovrei pormi, nella mia presunzione, dubbi sulla mia posizione. Ma, ammesso e non concesso che questa sia la mia condizione, questa è la sensazione che provo ogni volta che metto per iscritto qualcosa e di questo parlerò.

Gli eventi mi passano dinnanzi agli occhi e la mia mano si muove da sola, come in un gesto istintivo, afferrando la mia adorata penna-gel e imbrattando di inchiostro il mio fedele taccuino. Inizialmente non ho le idee ben chiare su cosa riportare sulle sue pagine, anzi, mi sembra un peccato rovinarle con delle macchie di inchiostro nero tracciate sul foglio senza un motivo preciso, tant’è che il più delle volte sono tentato di riporre la penna sul tavolo e interrompere quella spinta, quella voglia, quell’impeto di scrivere, di comportarmi come uno scrittore. Inoltre, se considero l’uso improprio della mia lingua madre (l’italiano), la punteggiatura, l’uso degli avverbi o dello slang giovanile riportato nel maggiore dei casi in modo improprio e scorretto, posso tranquillamente abbandonare il mio intento.

Ma ecco che emerge: è l’idea, l’ispirazione, la voglia di lasciare il segno, seppur minuscolo nella storia dell’umanità o, semplicemente, di lasciare una traccia del mio passaggio. Guardo la mia mano: tiene ancora stretta la penna gel in una morsa a tratti dolce ma per certi versi intrisa di un’isteria che mi ha causato quel fastidioso callo al dito medio. Colpa del modo di imbracciare quell’arma? o della furia messa nel farlo? non lo saprei proprio dire. Dirò piuttosto di quello che nasce da quella stretta: puoi osservarla fin da subito, come scintille dallo sfrigolio di metallo, così l’inchiostro sgorga dalla penna che danza sul foglio, e la mia mano danza con lei, da una parte all’altra del foglio, in un continuo scrivere, riposare, correggere, depennare… inchiostrare. E lo scritto prende vita. Un po’ come succede e sta succedendo a questo post stesso. Puoi ritrovare le stesse dinamiche della calligrafia in una solenne battitura a due mani della mia tastiera.

A questo punto è il lettore a dover decidere: sono uno scrittore o un presunto tale?

JohnatanD

33 thoughts on “About Me”

  1. Caro John, da quel poco che leggo e percepisco di te, sei per me
    un’ anima sensibile, in cui scorre l’inchiostro indelebile del poeta.
    Mistral

  2. Buon Natale anima sensibile
    Un abbraccio
    Mistral

    • Rispondo adesso a questo augurio, per ringraziarti e… “battere un colpo”

      Ricambio teneramente l’abbraccio invernale con uno più estivo
      A presto

      Johnatan

  3. Questa presentazione, oltre che densa di sensibilità ed ironia, è oltremodo intrigante e stimolante la lettura…
    Grazie per la tua visita e per l’opportunità che mi dai di leggere qualcosa di bello!
    Ciao
    Claudio

    • Grazie di queste parole, Claudio, ogni lettore è il benvenuto.

      Questo spazio, nato ovviamente per gioco, è alimentato dalla voglia di mettere nero su bianco i miei pensieri.
      All’inizio usavo il Moleskine, annotavo i miei pensieri come quasi un diario, ora sono evoluto al blog, perdendo forse un po’ di intimità, ma incontrando altre anime sensibili.

      E’ bello incontrarsi in questa piazza, dove le vie dei nostri blog giungono con tanti pensieri, sentimenti e passioni.

  4. Sentirsi “uno scrittore” è una bellissima sensazione e credo che quando uno viva di parole debba avere questa piacevolissima presunzione di sentirsi così speciale :)

    • Ho passato qualche minuto a rimirare la tua impronta “scalza”: un tocco rapido e molto delicato :)

      Quanto a me, mi cullo di questa presunzione e cerco di ripagarla con le parole dei miei post.
      Ora più che uno scrittore mi sento un poeta… è stata una metamorfosi non voluta, dato che ho iniziato il mio blog con una storiella e sto continuando con delle poesie d’amore…

  5. acquario2012 said:

    Non devi bloccare i tuoi istinti! Hai fatto benissimo ad andare avanti nello scrivere :) Segui il tuo cuore, il tuo intuito … sempre!

    • Ciao Acquario,
      diciamo che ogni tanto cambio la forma con cui mi esprimo: ho avuto da adolescente il periodo “diario” da quello delle foto per poi passare ai racconti per poi tornare alle foto… fino a che ora scrivo storielle in “versi”.

      Il mio cuore lo seguo, ora più che mai, perché batte all’impazzata. Adoro il periodo degli amori, soprattutto quello in cui non riesci a ragionare con lucidità e ti affidi ad un qualsiasi pensiero, anche irrazionale, che alimenta il fuoco che hai dentro.

      Mi ha fatto piacere leggerti

      A presto! Torna pure quando desideri

      Johnatan

    • acquario2012 said:

      Si vede che hai l’animo da scrittore! Io per nulla…! Ma piace mettere x iscritto i miei pensieri, stile diario… :) Sembra un deja-vù, ma segui il tuo cuore non mente mai! Vale sempre, ora più che mai! Alex

    • Da quel poco che ho letto di tuo, sei brava anche tu. E’ vero che non bisogna pavoneggiarsi, ma rendiamo onore a chi se lo merita!

      E poi la tua spontaneità è deliziosa… parola mia!

      Ciao, Alex, ora so il tuo nome
      Johnatan (Dante)

  6. Ciao Johnatan…
    E’ da poco che ci leggiamo ma volevo chiederti,hai mai pubblicato qualcosa ?
    ho spulciato un po’ in giro nell tuo blog,e devo dire che tutti i tuoi pensieri sono belli profondi sensibili..ma sembrano che sono incompiuti. Sembra che hanno bisogno di stendersi oltre. Quindi volevo sapere se hai pubblicato qualcosa o intendi farlo?
    Cari saluti Auri.

    • Ciao Dusty/Auri,
      Dici riguardo alle mie “poesie” oppure alle storielle che sto scrivendo? In entrambi i casi, sono storielle/pensieri che prendono spunto da quello che mi accade intorno o da quello che provo in un dato periodo. Come molti ho iniziato col diario delle superiori, per poi scrivere sul Moleskine (che devo ricomprare), per poi finire a scrivere sul blog. Non ho un “progetto” preciso, solo pensieri e parole.
      No, non ho pubblicato nulla, ma un giorno… però… chissà che, dopo aver fatto ordine, non proponga qualcosa a qualche editore.

      Mi segno il tuo contatto, se non ti dispiace…

      Ciao a presto, allora
      Johnatan (Dante)

  7. La mia carissima amica Argeta Brozi ,titolare di “Buterfly edizioni” ha sempre un occhio di riguardo per i emergenti. Quindi se mai avrai intenzione di publicare qualcosa..contata lei..e’ una donna di mille risorse :) ..ed e’ anche una brava scrittrice.
    Detto questo…tu auguro buone scritture Jhonatan e buona giornata!

    • Ho dato un occhio al blog di Argeta: interessante come iniziativa: penso che posso prendermi una giornata per mettere a posto le poesie per mandarle in stampa ;)

      Buona giornata anche a te!
      Johnatan

  8. Complimenti! Le tue parole in questo blog sono di un animo sensibile….animo da scrittore!

    • Grazie Elena,
      sono parole belle e gentili le tue…

      Spero di catturare ancora la tua attenzione scrivendo qualcosa di bello…

      A presto Allora
      Johnatan

  9. bel blog! davvero!! ti seguirò volentieri e tu continua così!!

  10. c’e’ un premio per te e per il tuo blog. dovevo premiare dei blog ed ho scelto il tuo. vai sul mio e nel post intitolato “very insiring blog” award capirai tutto! congratulazioni!!

  11. Hai un modo di scrivere molto interessante! Vieni a trovarci sul nostro sito, potrebbe interessarti!

  12. Questa sera sono andata ad un incontro dove si parlava di poesia. Sono state lette, da chi conduceva, alcune poesie e tra queste una canzone di Vecchioni : ”Sogna ragazzo, sogna”. Dovevamo captare le più illuminanti parole o piccole frasi che ci colpivano e buttare giù ciò che più ci veniva in mente. Io ho scelto una frase dalla canzone di Vecchioni, che mi ha dato l’inizio per questo che ho scritto e che ti voglio dedicare :” Ti ho lasciato un foglio sulla scrivania.Potrai riempirlo di parole, quelle che vorrai. Sarai libero di volare e il tuo pensiero vivrà per sempre. Cerca in te la tua via. Vedrai la tua mano tenere in mano la penna e quasi scivolare su quel foglio.Ogni tua parola è parte di te. Lascia un segno, che anche gli altri possano ascoltare la tua voce.” Isabella

  13. Si, mi è piaciuto. A presto .Isabella

  14. Sono passata di qui per ringraziarti per il “Follow” al mio blog, che bello leggere questa tua introduzione alla tua persona! Per me è ancora più bello del movimento della penna o delle mani sulla tastiera il momento in cui si sentono arrivare le parole intorno alla nostra testa, dentro noi stessi, in cui sorgono, si ammassano per essere prese, scelte e deposte in ordine… e tutto questo accade quando si comincia. Buona scrittura!!!

Lascia la tua impronta :D

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s