Tags

, , , , , , ,

Perché, ad ogni conclusione di ogni capitolo della mia vita, mi trovo a fare il punto della situazione: cos’è andato male, cosa ne ho ricavato di buono, cosa sarebbe potuto andare meglio.

Mi trovo allo specchio, a sostenere lo sguardo di una persona che mi è amica, con l’espressione segnata dal tempo. E dal sorriso sulle labbra posso trarre la conclusione: “E’ andata bene anche questa volta”.

Le rughe d’espressione si contano e rivelano tutte le volte tutte le volte che sono stato ferito, quelle in cui ho pianto, quelle in cui ho riso, quelle in cui ho condiviso i sentimenti col mio prossimo.

Ed la tensione muscolare mi rivela quanto sono rilassato, quanto ho dovuto alzare barriere di difesa, quante volte in cui ho lasciato il mio cuore aperto.

Questo colpo vedo tutte queste cose tutte di un botto. Un trauma. L’ultima volta era andata meglio. Questo colpo sono invecchiato veramente. O sono cresciuto ancora un po’, forse maturato verso lo stadio di “uomo”.

Ma cos’è cambiato in quest’ultimo periodo?

Mi sono sposato e con la nuova famiglia che abbiamo costituito sono diventato molto più protettivo verso la famiglia stessa, quindi verso mia moglie e verso me stesso: proteggo la mia famiglia a denti stretti e la riparo con la mia schiena da tutte le cose che potrebbero danneggiarla o deteriorarla. E “mi voglio più bene”. Non scappo più in silenzio dalle persone che sono negative, me ne allontano a testa alta; non ignoro le mancanze di rispetto, le affronto a pieno petto. E questo vale anche per mia moglie e, per quando ci saranno, per i nostri futuri pargoli. E mi accorgo di quanto, in realtà, ci sia di “viziato”, intorno al mio mondo: troppo tempo sono stato al limite di questa realtà ed è ora di uscirne definitivamente. Non potrei sopportare di far “patire” ai miei cari una vita del genere per causa della mia mancanza di carattere o amor proprio.

Propositi per il nuovo “capitolo”: continuare su questa strada, essere orgoglioso di quello che sono e quello che siamo, pretendere rispetto per la mia famiglia ed essere più sincero e più diretto con gli altri.

Vi saluto: vado a compiere gli anni ed a mettere in pratica i nuovi propositi.

Johnatan Dante

Advertisements