Tags

, , , , , , ,

“Di inetti è pieno il mondo.

Traballano tra il dire ed il tradire, tra la virtù ed il vizio, tra il se ed il scusa amore. Suppongono che la volontà sia fuori dal loro controllo e nulla possano fare se non ricadere nella condizione d’inettitudine.

Non sanno che da un vizio può nascere una caratteristica, una mala abitudine può diventare virtù o una colpa diventare gloria. Solo l’accettazione del propio io nobilita l’animo, la consapevolezza del proprio essere umani e quindi limitati.

Lo spirito è mosso dai più alti principi ed auspici ma la mano si muove nella materialità delle forme e delle sostanze, decadendo nella corruzione del corpo stesso e nella consapevolezza del fallimento. Resta trovare una scappatoia, giacchè dei non siamo e passare la nostra esistenza da uomini, fieri della nostra imperfezione.

Viva il vizio, dunque, viva l’uomo e viva l’inetto.”

Tratto da “Seguendo le orme del maestro” di Johnatan Dante

 

Advertisements