Tags

, , , , , , , , ,

Ti racconterò come il mio cuore si è spaccato quando l’incoscienza ha urlato Ti Amo
Il primo vagito di un Amore appena nato. Follia pura, noi così giovani e così vecchi allo stesso modo. A mettere a rischio ancora una volta il nostro debole cuore. Eppure l’abbiamo fatto, l’abbiamo sussurrato ad alta voce e loro ci hanno assecondato. Hanno palpitato più forte, si sono baciati, sono rimbalzati sulle nuvole e stanno lì… sospesi finché le nuvole stesse ne reggono il peso. E un cuore innamorato è leggerissimo, galleggia anche nell’aria, vola alto si appoggia appena sulle nuvole. E queste giocano con lui. E finché i cuori rimangono innamorati, potranno giocare sulle nuvole, volare, dormire, saltarci sopra. Potranno fare tutto sulle nuvole. E le nuvole li coloreranno dell’arcobaleno di giorno e del blu più profondo nella notte. Neanche la Bora più potente o il Grecale più fastidioso li abbatteranno. Finché saranno occhi negli occhi, saranno in volo e mai si poggeranno al triste suolo, se non per salutare i loro amici, rimasti sulla terra ad ammirare la loro bellezza, il loro Amore.

Tutto questo sì… forse… perché no? Insomma… è possibile e adesso è vero più che mai: ve lo dice un’anima innamorata, che dorme sulle nuvole e aspetta la sua bella…

A presto Cuore mio, sono qui… e dormo ancora un po’… coperto dalla notte blu…

Advertisements