certo che, riflettendoci bene, siamo diammetralmente opposti
ma poi, vedi, nonostante tutto non è questione di banale “ottimismo” e fiducia nella buona sorte i sogni e la fantasia aiutano a vivere ma se non ti rapporti alla realtà, non valgono niente.

hai ragione a dire che bisogna essere concreti, ma sei proprio sicura che sia tutta qua la realtà che vedi? le attività che noi facciamo sono fine a se stesse? la terra non finisce all’orizzonte, ma continua
alla fine, ti troverai a girarla in lungo ed in largo, ma non saprai mai con certezza cosa si nasconde oltre l’orizzionte, dietro l’angolo, sotto il tuo naso!

Tutte le attività che fai non servono forse a farti vedere OLTRE il quotidiano? Oltre quel velo che ci si è messo davanti agli occhi?
la vita è solo lavoro e soffrire o anche gioia ed amore?

Ottimismo mi hai detto, ma quale ottimismo?

Ottimismo è sperare che qualcosa vada bene, ma se dai un’occhiata col cannocchiale scopri che tutto quello che hai fatto, hai costruito, hai vissuto ti porta al tuo scopo. Tutte le tue azioni portano allo scopo

E abbiamo il coraggio di lamentarci, ma di che?

la nostra vita è già un miracolo di per se ed abbiamo la possibilità di costruire tutto ciò che abbiamo bisogno per vivere meglio, per diventare i nostri sogni

Le esperienze brutte e deludenti non sono negative: sono sincere. La realtà e cruda ma non ti prende in giro. Noi ci viviamo dentro e dobbiamo imparare a viverci!

Insieme
noi tutti, nessuno escluso!
il mondo è nostro
cazzo!

Non è la prima volta che faccio questi discorsi a qualcuno e anche quel qualcuno quella volta non ha voluto sentire…

almenu tu, ascolta, leggi, pondera… riflettici un po’ su… tutto questo è realtà: nessuna presa in giro

a garanzia di tutto ciò offro la mia vita, espressione di tutto in quello che credo

basta per spingerti a prendere in considerazione l’ipotesi che il 1 a 4 alla fine è un 1 a 0,5?

Advertisements