Tags

, , , , ,

Eccolo che arriva, sta correndo, ha il fiatone. D’altronde anche lui ha una certa età. Si ferma, si piega sull’addome e respira a fatica. Ansima. Poi un grosso respiro, riempie i polmoni di nuovo ossigeno ed ecco! E’ come nuovo ora saltella, ride, scherza, sembra un folletto.

Nove, della famiglia dei Venti, l’ultimo in ordine d’arrivo, ma non il meno importante. Balza sulla tua spalla, ti danza intorno. Che vitalità! E pensare che un attimo prima non riusciva nemmeno a parlare. Avrebbe tante cose da raccontare, avrebbe voluto vedere Otto, ma non ce n’è stato il tempo. Pazienza… C’è tanto da fare!

Ti prende per mano ma… che cosa vede? Prende la spazzola e la passa sulla schiena.  Otto non ha fatto un buon lavoro: qua sembra che ci voglia una sferzata di cose nuove, di emozioni, di sentimenti, di passioni… di vita da vivere. Ad ogni colpo cadono i brutti pensieri e le spalle si fanno più leggere.

Starà con te un anno o poco meno… ogni minuto che passa in tua compagnia è prezioso. Non ti vorrebbe mai abbandonare ma già vede il suo destino. Ti prende il viso e ti fa guardare avanti: una nuova famiglia ti attende e una vecchia devi abbandonare: quanto ti mancano Uno, Due, Tre, Quattro, Cinque, Sei, Sette… e anche Otto. Ti giri e li vedi, uno più distante dell’altro. Addosso hanno un’immagine di te. Se la porteranno nel cuore e tu ne avrai le loro nel tuo.

Un passo e Nove ti segue, due passi e Nove ti balza avanti, un salto e Nove è al tuo fianco. Non vi conoscete ancora ma siete entrambi sicuri che nascerà una bella amicizia.

Ed ora, via! Verso il futuro, verso il domani, con il presente nei polmoni.

E’ proprio una bella giornata…

 

Tanti auguri!

Advertisements